PROJECT DESCRIPTION

RED FERMENTIS è un particolare tannino enologico estratto dal legno del castagno domestico (Castanea sativa), una fagacea molto comune in Europa, in particolare in Italia e Francia. Per la produzione viene utilizzata solo una selezione di alcuni tronchi di alberi vecchi, 50-75 anni, opportunamente stagionati. RED FERMENTIS viene prodotto attraverso un particolare processo di granulazione cosiddetto a letto fluido o noto anche come agglomerazione, rendendolo facilmente solubile in acqua.
RED FERMENTIS è un tannino idrolizzabile, formato da un’equilibrata combinazione di tannini gallici o digallici ed ellagici. Il principale composto è la castalagina. Ha un colore marrone scuro e un odore più o meno intenso di legno tostato.
L’azione di RED FERMENTIS è molteplice:
• reagisce in maniera efficiente e completa con le
proteine tali da farle precipitare.
• Disattiva gli enzimi ossidati, in particolare la
tirosinasi e la laccasi.
• Controlla efficacemente lo sviluppo batterico.
• Protegge il colore e il bouquet naturali del vino.
• E’ un ottimo chiarificante dei vini bianchi, anche in combinazione con la gelatina.
• Concorre ad equilibrare la struttura fenolica dei vini, con introduzione di note morbide e fragranti.

COMPOSIZIONE
Tannino di castagno granulare (di tipo ellagico) acido tannico > 77 %;
umidità 6 %.

APPLICAZIONI:
RED FERMENTIS è stato studiato per un utilizzo
• nei vini rossi durante la fermentazione
Per definire il dosaggio ottimale si consiglia di verificare le dosi attraverso prove preliminare e test organolettici. Inoltre, è importante tenere presente che la quantità di tannino utile è strettamente correlata alla varietà e alla caratteristiche del vino.

MODALITA’ D’IMPIEGO:
RED FERMENTIS può essere utilizzato tal quale, ma è consigliabile preparare una soluzione acquosa. Sciogliere il tannino in acqua a 40-50°C sotto vigorosa agitazione, dopo aggiungere agitando la soluzione così ottenuta direttamente nel mosto o nel vino. La forma granulare del tannino aiuta la dissoluzione del prodotto sia in acqua che in vino e reduce la dispersione di polveri nell’aria. Per la manipolazione, si consigliano contenitori di acciaio, inox, plastica e ceramica.

QUANTITATIVI CONSIGLIATI
5 – 40 g/hl in fermentazione
Dosi maggiori sono consigliati in caso di:
• Bassa quantità di SO2
• Uva attaccata da Botritys
• Vini destinati all’invecchiamento
Si consigliano prove preliminari di laboratorio.